Monthly Archives: giugno 2018

VIDEO E FOTO FINALI DEL KERNEL 2.0

Ecco il video in cui spiego tutte le caratteristiche del case (in particolare le parti in movimento e animate, che nelle foto chiaramente non rendono bene):

Ed ecco un bel po’ di foto del lavoro finito! (le ho suddivise per stato di illuminazione)

Foto del computer da spento:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Computer acceso ma con la stanza illuminata:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Stato default 1:
– prevalentemente blu
– effetto di infezione da azzurro a verde degli hard disk
– anello porta-arduino con due scie rosse in movimento
– due scie gialle che scorrono sul perimetro della base
– animazione del proiettore: circuito elettronico blu
– effetto di “caricamento” del sensore di prossimità blu->verde->giallo->rosso

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine

Stato default 2:
– prevalentemente blu
– effetto di infezione da azzurro a verde degli hard disk
– anello porta-arduino blu pulsante
– perimetro della base blu
– animazione del proiettore: disco di Tron
– effetto di “caricamento” del sensore di prossimità blu->verde->giallo->rosso

Di questo stato mi piace troppo l’effetto del disco di Tron che viene riflesso sul muro alle spalle del case 😀 (anche perché è animato, si vedrà meglio nel video)

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine

Stato blu:
– completamente blu
– animazione del proiettore: linee blu in stile Tron
– effetto di “caricamento” del sensore di prossimità blu->verde->giallo->rosso

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine

Stati verdi:
– completamente verdi
– anello porta-arduino con scie verdi in movimento
– animazione del proiettore: codice che scorre sullo schermo, oppure effetto stile Matrix
– effetto di “caricamento” del sensore di prossimità verde->bianco

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Stato rosso:
– completamente rosso con effetto pulsante
– anello porta-arduino con scia rossa in movimento, che ricorda un lampeggiante di allarme
– animazione del proiettore: allarme rosso lampeggiante
– effetto di “caricamento” del sensore di prossimità effetto incandescenza: rosso->giallo->bianco

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Stato “deserto”:
– illuminazione arancione
– animazione del proiettore: deserto con tumbleweed che rotolano 😀

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Stati colorati:
– illuminazione con rotazione della tonalità su tutti i led (quindi le aree colorate si spostano continuamente tra le varie zone del case)

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Alcune operazioni conclusive e inaugurazione

Poi ho cambiato lo schermo di proiezione rifacendolo in 16:10 (la proporzione nativa del nuovo proiettore).
Qui c’era un problema: carteggiare un solo lato del pannello faceva passare troppa luce e rendeva l’immagine poco luminosa, mentre carteggiare entrambi i lati formava un fastidioso effetto di parallasse con l’immagine sdoppiata.
Qui ringrazio Darknight che mi ha dato un’idea perfetta per evitare entrambi i problemi: carteggiare da UN SOLO lato DUE pannelli, e sovrapporli con i lati carteggiati a contatto. In questo modo i lati carteggiati sono due, ma attaccati, e quindi niente parallasse!

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Ed ecco il risultato definitivo:

Immagine Immagine

Avendo rinunciato allo specchio ho dovuto cambiare la posizione del proiettore nel case, e quindi ho fatto un ripiano di policarbonato su cui posizionarlo, montato tra gli hard disk e una parte del coprialimentatore:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

E poi mi mancava da montare l’ultima striscia led: quella che illumina l’incisione del sensorone di tocco:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine

Infine mi mancavano da rimontare la rete bit e il suo motore:

Immagine

Ora i componenti c’erano tutti, quindi ho potuto risistemare definitivamente tutti i cavi nel doppio fondo.
Oltre a tutti i cavi di alimentazione, video, dati, ecc., ho infilato nel doppio fondo anche questi componenti:
– l’SSD (con calma lo sposterò in una posizione più degna, ma in quel momento avevo pochissimo tempo rimanente e quindi l’ho messo provvisoriamente sotto la base)
– l’alimentatore del proiettore (quello nero)
– l’inverter del neon viola dentro alla rete bit (quello azzurro)
– i led di stato dei sensori di tocco
– una manopolina per variare la velocità di movimento della rete bit
– un interruttorino che stacca il power switch (per evitare che una pressione accidentale del sensore del power switch spenga il computer)

Immagine Immagine Immagine Immagine

Infine ho posizionato meglio l’immagine proiettata al centro del pannello di proiezione, fissando due piccoli spessori sotto ai piedini del proiettore:

Immagine Immagine

Mi stavo dimenticando di rimontare le ventole! Eccole qua in posizione:

Immagine

Dei 5 metri di striscia led da cui ero partito, questo è tutto quello che mi è rimasto alla fine del lavoro :D, tutto il resto è nel case!

Immagine

Intanto dal lato software ho programmato in arduino un effetto di feedback per il sensorone di prossimità, che sostanzialmente dà l’idea che il pannello si “carichi di energia” quando si avvicina la mano:
avvicinando la mano il colore comincia a variare lentamente verso tonalità più calde fino a un colore di destinazione, dopodiché quando si toglie la mano, il pannello si “scarica” ritornando lentamente al colore originale.

Ho fatto tre effetti, da usare a seconda del tema generale dell’illuminazione:
– uno che dal blu a riposo diventa via via verde, giallo e infine rosso (quello che si vede in questo video)
– uno che diventa “incandescente”, cioè dal rosso passa all’arancione, giallo e infine bianco
– uno che dal verde si schiarisce diventando bianco

Poi ho aggiunto al programma di gestione anche la possibilità di far partire in automatico le animazioni sul proiettore quando si cambia la combinazione degli effetti di illuminazione.
In questo video testo l’associazione tra alcune combinazioni di colori/effetti e alcune animazioni:

Poi avendo inserito l’effetto scia nell’anello e nella base, mi sono detto “perchè non provo a modificare l’effetto per avere scie multiple?”, ed ecco il risultato 😀 (in particolare nella base le scie mi ricordano le moto del motolabirinto di Tron):

Ed ecco l’inaugurazione della versione 2.0 finita, al suo primo lan party :D (il Frogbyte 2018, a Pordenone):

Immagine Immagine

Ecco un video di panoramica fatto al lan:

E un particolare di un effetto in cui l’anello si “triplica” venendo riflesso due volte sulle pareti del case:

Montaggio dell’hardware

E ora passo a montare l’hardware del PC. Innanzitutto cambio il dissipatore con un Coolermaster G100M, che sembra fatto apposta per il case, visto che assomiglia in modo incredibile al disco di Tron Legacy:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Poi comincio a montare l’hardware nelle varie strutture del case. In particolare è stato difficile gestire il passaggio di tutti i cavi nei buchi sotto la base (a posteriori avrei fatto i buchi più grandi…):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine

Poi fatti passare i cavi (non tutti, perché non è ancora il montaggio definitivo di tutti i componenti) ho montato il pannello trasparente della base, intrappolando i cavi nel doppio fondo:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Ed ecco una prima prova di accensione dopo il montaggio (si comincia a vedere bene l’effetto dei pannelli incisi illuminati):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Dal 2008 la dimensione delle schede video è aumentata parecchio, e come se non bastasse ne ho scelta pure una particolarmente ingombrante, che non ci stava montata tradizionalmente. Quindi ho dovuto montarla in verticale, collegandola alla scheda madre con un riser. Per farla stare in posizione senza sforzarla ho anche realizzato due piccoli supporti in policarbonato a cui si appoggia il dissipatore della scheda.
Vista la posizione verticale della scheda video, ne ho anche approfittato per nascondere dietro la scheda video tutti i cavi di alimentazione che vanno alla scheda madre: anche se è stata una scelta obbligata per mancanza di spazio, devo dire che alla fine grazie a questa cosa ho ottenuto un effetto estetico molto migliore rispetto alla scheda montata nella posizione standard.

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Ed ecco la soluzione drastica che dicevo riguardo ai led dei sensori di tocco: nonostante le modifiche continuavano a non piacermi, e soprattutto non mi piaceva il fatto che coprissero molto la visuale sul portacircuito inciso.
Così ho pensato di cambiare drasticamente la posizione dei led: li ho spostati SOTTO la base, nel doppio fondo!
Allontanando i led dai rispettivi sensori sicuramente si è perso molto dell’effetto di feedback tra pressione sensore e accensione led corrispondente (ora se premo un sensore, si accende un led che si trova al di fuori del campo visivo dell’utente focalizzato sul sensore), però sinceramente non lo considero un problema così grave, preferisco di gran lunga l’effetto estetico della posizione attuale, che lascia vedere completamente il portacircuito inciso.

Immagine Immagine Immagine Immagine

Doppio fondo base e riassemblaggio del case

A questo punto sono passato al lavoro successivo: volendo far passare quasi tutti i cavi sotto la base, dovevo realizzare un doppio fondo il più possibile nascosto che contenesse tutti i cavi, e l’ho fatto utilizzando il pannello di policarbonato rimanente dalla realizzazione della cornice della base.
Il pannello è fissato alla base da una serie di dadi di giunzione alti 2,5 cm, quindi sotto la base sostanzialmente si viene a creare un doppio fondo alto 2,5cm e grande come tutto il case (e nonostante le dimensioni generose l’ho riempito praticamente tutto!).

Qui prendo le misure e taglio il pannello:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine

Qui preparo le viti che fisseranno il pannello da sotto, e che serviranno anche da piedi del case (sulla testa delle viti ci andranno anche dei feltrini).

Immagine Immagine

Immagine

Monto il pannello in posizione:

Immagine Immagine

Ed ecco quello che si vede da sopra, la presenza del doppio fondo quasi non si nota:

Immagine Immagine Immagine Immagine

A questo punto è arrivato finalmente il momento di rimontare il case, che fino a questo momento era un ammasso di pezzi sparsi.

Monto il supporto della scheda madre:

Immagine Immagine Immagine

Visto che sono cambiate sia le dimensioni dell’alimentatore sia la forma del coprialimentatore, ho dovuto alzare tutta la struttura rifacendo più lunghe le due sbarre su cui era montata:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Poi ho montato il portacircuito dei sensori, i sensori di tocco veri e propri e i relativi led, il coprialimentatore e l’unità ottica (inoltre ho finito di sostituire tutti i bulloni zincati con quelli inox):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine

Poi ho rifatto da zero lo specchio del proiettore realizzandolo molto più piccolo e discreto, usando uno specchio di poliver (quindi deformabile a caldo):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

In realtà la realizzazione dello specchio l’ho messa solo per completezza, perché poi testandolo ho deciso di toglierlo del tutto e proiettare direttamente verso lo schermo per evitare un fastidioso problema: a causa della maggiore luminosità del nuovo proiettore, usare lo specchio creava due copie dell’immagine leggermente sfalsate, che venivano riflesse dalla superficie trasparente dello specchio, e non dal lato riflettente.

Nel frattempo stavo andando avanti anche sul lato software:
ho fatto un programmino per pc che comunica con arduino via porta seriale bidirezionalmente, sia per poter cambiare lo stato dei led via software dal pc, sia per visualizzare lo stato di arduino sul pc quando viene cambiato dal bottone hardware (e più avanti anche per far partire delle animazioni a tema con i colori dei led nello schermo proiettato)


Qui ho aggiunto al programma la gestione del proiettore dal secondo bottone hardware di arduino

e qui testo alcune delle animazioni (ho potuto riciclare buona parte delle animazioni che avevo già fatto per il mio Level 10 moddato, facendo giusto qualche modifica per adattarle alla nuova risoluzione)

Realizzazione cornice base luminosa

Poi sono passato a creare un bordo luminoso per la base del case. Su questo tipo di lavoro ero preparato perchè avevo già realizzato la stessa identica cosa anche nel mio Level 10 moddato ( https://www.lonherz.com/grid-level-10-p … gina=2#376 Immagine ), quindi è andato tutto liscio come l’olio perchè sapevo già tutte le problematiche (che ho scoperto sulla mia pelle la prima volta, e per cui ho dovuto rifare tutto il lavoro almeno 3 volte).

Innanzitutto ho tagliato due “cornici” da due pannelli grandi come la base: uno di policarbonato trasparente, e uno di pvc opaco grigio.

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine

poi ho fissato le cornici temporaneamente sotto la base, per livellare precisamente i bordi dell’angolo arrotondato, in modo che combaciassero perfettamente:

Immagine Immagine Immagine Immagine

ottenuta la forma precisa, ho carteggiato i bordi dei pannelli per ottenere una superficie satinata uniforme, dopodiché li ho lavati per rimuovere tutti i residui di polvere, ed ecco le cornici pronte:

Immagine

Visto che per ottenere l’effetto ottimale la cornice di pvc deve sembrare uguale al bordo della base di acciaio, ho verniciato con un pennarello a vernice argentato tutto il bordo del pvc:

Immagine

A questo punto ho montato le strisce led:

Immagine Immagine

Alcuni punti sono stati particolarmente complicati, come ad esempio l’angolo arrotondato, che ho realizzato saldando piccoli pezzetti di striscia con il giusto angolo per ottenere una striscia “curva” (in quel punto se avessi messo un unico pezzo a 45° avrei ottenuto un’illuminazione meno uniforme se vista dall’esterno, quindi in questo caso ho preferito perderci più tempo per ottenere un risultato migliore):
Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Ecco due video della base in azione (non ancora montata sotto il case):


Finite le saldature della striscia e unite le due cornici con del nastro biadesivo, è arrivato il momento di assemblare il tutto sotto la base (ho aggiunto anche dei pezzetti di pvc opaco all’interno delle strisce, per aumentare la superficie di incollaggio ma anche per evitare che la luce filtri verso l’interno della base):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine

Nel frattempo ho anche voluto sostituire tutti i bulloni e le rondelle zincati del vecchio kernel con dei bulloni e rondelle di acciaio inox, che oltre a essere più compatibili esteticamente con la base (soprattutto ora che l’ho carteggiata), rimangono lucidi molto più a lungo (ho potuto vederlo con i vecchi dadi ciechi, che dopo 10 anni sono rimasti come nuovi, al contrario degli altri):

Immagine Immagine Immagine

Ed ecco un test di illuminazione della base:

Immagine Immagine Immagine

Realizzazione struttura porta-Arduino

Finito il montaggio delle strisce ho montato dei distanziali sul supporto mobo (nel vecchio kernel avevo usato delle viti con bullone, ma questa volta ho pensato che sarebbero stati più comodi dei distanziali veri):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Poi sono passato a un elemento nuovo del case: essendo cambiati il modello e la posizione del proiettore, rimaneva libero lo spazio sopra all’alimentatore, così ho pensato di allargare ulteriormente il buco in cui si incastrava il vecchio proiettore (centrandolo e rendendolo un cerchio preciso), per poi metterci al centro l’arduino che controlla le strisce led.

Qui allargo il buco (dopo anni e anni di sofferenza e metodi accrocchiati finalmente mi sono deciso a comprare un seghetto da traforo, ed è stata la svolta… mi sono dato veramente del co****ne per non averlo preso prima… e la stessa cosa anche per il flessibile, con cui ho tagliato un casino di acciaio e policarbonato in un istante invece di impazzire per ore con il dremel o altri sistemi improvvisati):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Poi, vedendo il buco e l’arduino al centro mi sono detto “che figata sarebbe mettere una striscia led rivolta verso l’interno del buco!”.
Così l’ho montata incastrandola tra due listelli di poliver carteggiato (che formano la struttura verticale ad anello che la tiene in posizione).
L’altezza dei listelli era più del doppio rispetto allo spessore del policarbonato, però ho allineato il bordo superiore dei listelli con il bordo superiore del buco, in modo che la striscia non sembri rialzata rispetto al pannello ma “un camino” che scende.

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Ed ecco il risultato illuminato, con anche un paio di video in cui si vede bene l’effetto in movimento :D (tutta un’altra cosa rispetto alle foto…)

Immagine Immagine Immagine Immagine

Ecco i video dell’effetto di scia che ho programmato su arduino (quell’effetto l’avevo fatto solo come test per divertimento, ma non pensavo che l’avrei usato da qualche parte nel case, e invece è venuto fuori il componente perfetto per sfruttarlo :D



A questo punto mancava solo una struttura su cui montare fisso arduino al centro del cerchio, così ho fatto una mensolina di poliver tenuta su con dei distanziali da scheda madre:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine

un video del solito effetto, con arduino montato:

Una cosa del vecchio kernel che non mi è mai piaciuta era la barra dei led frontale, posizionata subito sotto i sensori di tocco (quei led indicano lo stato delle funzioni pilotate dai vari sensori di tocco). Già in una revisione precedente avevo cercato di nasconderla coprendola con un pannellino di policarbonato satinato, ma continuava a non convincermi del tutto.. così ho cercato di nascondere l’orrore annegando il tutto nella colla a caldo:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Il risultato era già meglio, ma continuava a non convicermi perché comunque in quella posizione la presenza di questo pannello opaco copriva completamente la visuale sul portacircuito dei sensori, quindi più avanti ho preso una decisione drastica!

Montaggio delle strisce led

E ora veniamo a quella che è la modifica principale che ho fatto: la sostituzione di tutti i neon con delle strisce led.

Per ottenere la massima illuminazione dei pannelli incisi, non mi sono limitato a mettere le strisce led al posto dei neon, ma le ho volute posizionare proprio contro al bordo inferiore di ogni pannello inciso, in modo che sparassero la luce dentro ai pannelli illuminando meglio le incisioni, e devo dire che l’effetto è di gran lunga meglio rispetto a quello che avevo ottenuto con i neon (oltre al fatto che i colori ottenibili con le strisce led sono molto più brillanti e meno sbiaditi).
Tutto questo senza considerare l’enorme vantaggio di poter cambiare colore di ogni singolo led a piacimento.

Il problema era, come fare a farle stare in posizione?
Ho dovuto fare parecchie prove prima di trovare la soluzione definitiva.

Prima ho provato con un profilato di alluminio, ma esteticamente non mi piaceva questo bloccone di alluminio alla base del pannello, appesantiva il tutto:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

poi allora ho provato a incollare direttamente le strisce ai pannelli con la colla a caldo, ma anche in quel caso l’effetto non mi piaceva: per quanto provassi a essere preciso, la colla aveva sempre una superficie irregolare

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

altro tentativo: ho provato a coprire la colla con dei listelli di poliver carteggiati.. già meglio, ma il risultato ancora non mi convinceva:

Immagine Immagine Immagine

nel frattempo ho saldato cavi e connettori ai capi di tutti i pezzi di striscia led che dovevo montare (i pezzi di striscia led indirizzabile devono essere collegati a catena come se fossero un’unica striscia, quindi a ogni pezzetto di striscia ho dovuto mettere due cavi, uno in entrata e uno in uscita a cui collegare il pezzetto successivo).

Immagine

Ho anche saldato una striscia led ad angolo per il supporto della scheda madre:

Immagine Immagine

altro tentativo per il montaggio delle strisce led: ho trovato un profilato a U di policarbonato trasparente, che come dimensione poteva andare bene, e ho provato a carteggiarlo:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Il risultato finalmente era buono, ma poi, dopo aver fatto tutta la fatica di carteggiarlo e montarlo, mi sono chiesto: ma se lo mettessi trasparente senza carteggiarlo??

Ho fatto la prova ed evvettivamente così mi piaceva molto di più! Quindi ho trovato il metodo definitivo per montare in posizione tutte le strisce led :D :

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine

Ho rifatto da zero il pezzo di striscia sotto alla mobo perchè mi era venuto troppo alto e non mi piaceva. Stavolta ho tagliato più bassi i bordi del profilato, ed è venuto molto meglio:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine Immagine Immagine Immagine

Poi ho attaccato un pezzo di striscia dietro l’unità ottica (qui ho usato un metodo più grezzo del profilato perché dovevo fargli fare una curva molto precisa, quindi ho fatto tutto con la colla a caldo e un listello di poliver piegato che fa da scheletro:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Taglio buchi base per passaggio cavi

una delle cose che mi piacevano di meno del vecchio kernel era il matassone di cavi che si era formato tra scheda madre e alimentatore, a causa di tutti i componenti presenti in quella zona (tra cui prolunghe audio, cavi video per il proiettore, cavi dei sensori di tocco, ecc.).
Quindi una delle modifiche principali che volevo fare era far passare tutti i cavi sotto la base, attraverso dei buchi posizionati in alcuni punti strategici.


Qui traccio la posizione esatta dei buchi per l’alimentatore (da notare l’alimentatore ultimo modello ultraleggero a raffreddamento passivo che ho usato per le misure :D , il polistirolo serviva per simulare le dimensioni del mio alimentatore vero):
Immagine

E poi procedo a tagliare i buchi col flessibile:
Immagine Immagine

Attorno ai buchi di erano formate delle macchie di calore nell’acciaio, e per rimuoverle ho dovuta carteggiare TUTTA la base, è stato piuttosto faticoso :D

Immagine Immagine Immagine Immagine

ed ecco il risultato finito: devo dire che dal riparare a un incidente, alla fine con questo trattamento l’estetica della base è migliorata parecchio

Immagine Immagine Immagine

Completamento circuito Arduino e fine lavaggio

poi ho completato il circuito da collegare ad arduino, aggiungendo un secondo pulsante (i due pulsantini che si vedono sul circuito sono in parallelo ai connettori che andranno poi collegati ai sensori di tocco. Li ho aggiunti per poter testare gli effetti senza dover collegare ogni volta i sensori di tocco)

Immagine Immagine Immagine Immagine

poi ho fatto anche una veloce modifica al circuito dei sensori rimuovendo alcuni componenti che mi davano problemi e che ormai non servivano più (per la precisione gli switch che collegavano il sensorone di prossimità a più sensori di tocco):

Immagine Immagine

E poi ho finito di lavare il resto, cioè tutte le pareti esterne e la base (era da un bel po’ che non lo vedevo così pulito, temevo che lo sporco non sarebbe andato via del tutto, e invece è tornato quasi come nuovo!):

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine

Sostituzione motore rete bit

Mi mancava da lavare la rete bit, eccola qua mentre si asciuga:

Immagine

La prima modifica che ho fatto è stata al motore della rete bit: il vecchio motore l’avevo fatto con i lego technic, ma era molto rumoroso, ingombrante, poco potente (il motorino sforzava molto a ogni giro) e gli ingranaggi di plastica erano troppo delicati (infatti principalmente ho voluto sostituirlo perché si era rotta una delle ruote dentate). Inoltre a mio parere i lego technic centravano poco nel contesto del case.

Quindi ho preso un motorino con riduzione integrata da un giro ogni 3 secondi, una puleggia di aluminio da stampante 3d e un regolatore di velocità, e ho assemblato il tutto (l’attacco tra la guaina del filo da freno e il corpo del motorino l’ho fatto con delle spiaggette di metallo e abbondante colla a caldo):

Immagine Immagine Immagine Immagine

ecco un video del nuovo motorino in movimento:

Poi ho fatto una semplice copertura di poliver per tutto il blocco:

Immagine Immagine Immagine Immagine

Immagine